CANCELLAZIONE CORSO PAI SCIENZE PER CLASSI DI ENTRAMBI I PLESSI

Si avvisano gli alunni che negli scrutini di giugno a.s. 19/20 hanno riportato insufficienza in scienze nelle classi 2M, 1A, 1B, 1E, 1G, 1M del Comandini1C,1E,1F,1L del Pascal che il corso di recupero della prof.ssa Monai in calendario nei giorni dal 7 al 11 settembre è CANCELLATO per motivi di servizio.

Le insufficienze e le lacune saranno recuperate con programma specifico per detti alunni durante il primo quadrimestre dell’anno scolastico 20/21.

10-20-bando ALTERNATIVO19 classi quarte estero

10-20-bando ALTERNATIVO19 classi quarte estero

Circolare n. 10-20

Agli alunni delle classi quarte

Alle famiglie

Ai docenti

Oggetto: Bando ALTERNATIVO 2019- UNISER  per lo svolgimento del periodo di Alternanza Scuola-lavoro all’estero

Con la presente comunichiamo è stato pubblicato un nuovo bando, AltERnativo 2019  nell’ambito del progetto ERASMUS +, per  svolgere esperienze di alternanza scuola-lavoro all’estero della durata di tre settimane riservate a 60  studenti delle classi quarte di tutte le scuole superiori dell’Emilia Romagna. Il bando è a cura Uniser, una cooperativa sociale che offre servizi per la mobilità formativa che collabora proficuamente con il nostro Istituto da diversi anni.

Gli studenti selezionati partiranno a dicembre  2020 per le seguenti destinazioni: Francia, Slovenia, Germania, Portogallo, Cipro, Irlanda, Spagna. Per partecipare al bando, gli alunni dovranno inviare le candidature, autonomamente, tramite il sito movingeneration.net > Carta della mobilità> ALTERNATIVO2019 seguendo le indicazioni fornite. 

Gli studenti interessati potranno rivolgersi per informazioni relative a tale procedura , tramite e-mail, alle docenti :

 grazia.guadagno@ispacalcomandini.it (Plesso Pascal)

Laura.zanarini@ispacalcomandini.it (Plesso Comandini)

Le candidature dovranno essere presentate entro il 24 settembre 2020 .La lista dei candidati ammessi ad effettuare l’alternanza all’estero e delle riserve sarà pubblicata sul sito nelle settimane successive.

Di seguito il link alla pagina del progetto del sito movingeneration.net da cui scaricare il bando.

https://www.movingeneration.net/portfolio-items/alternativo-2019/

il DS

9-20 – rettifica: classi e turni per didattica integrata

9-20-rettifica: classi-e-turni-per-didattica-integrata

Piano Didattica Integrata allegato al PTOF 19-22 

Circolare n. 9-20

A tutte le famiglie

A tutti gli alunni

A tutti i docenti

Ai coordinatori delle classi seconde e terze di informatica plesso Pascal

e p.c. Al personale scolastico

 

OGGETTO: misure preventive anti-rischio COVID –  regolamento frequenza classi e piano di didattica integrata digitale

 

VISTE Il Piano Scuola MIUR 20/21, linee guida per settembre,  DM 39 del 26/6/20, d’ora in poi DM n. 39

VISTO il Documento Tecnico su Ipotesi di Rimodulazione delle Misure Contenitive nel Settore Scolastico

VISTE le note USR “A.S. 20-21 e COVID – materiali per la ripartenza” pubblicate in queste settimane dal Direttore Generale USR Emilia-Romagna Stefano Versari

VISTO il verbale n. 94 del Comitato Tecnico Scientifico del 7/7/20

VISTO lo stralcio del verbale n. 100 del Comitato Tecnico Scientifico del 10/8/20

A SEGUITO della riunione del Servizio Protezione e Prevenzione Rischi, istituita nel giorno 9/7/20 nel giorno 24 agosto 2020 alla presenza dell’RSPP e dell’RLS

VISTE le linee guida per la didattica integrata del MIUR, come da DM 89 del 7/8/2020

VISTO il rapporto ISS-COVID-58_Scuole_21_8_2020

la Dirigenza, con la consulenza del medico competente, del responsabile del servizio di prevenzione e protezione(RSPP), del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS), in base ad aggiornamento Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) dispone le seguenti regolamentazioni da rispettare tassativamente fino al termine dell’emergenza COVID e comunque fino a nuove disposizioni del MIUR o dell’autorità sanitaria

A partire dal 14/9
gli alunni/e del plesso Comandini (triennio Automazione Pascal e Istituto Professionale – tutti gli indirizzi, tutte le classi) svolgeranno la didattica in presenza, nelle aule e nei laboratori messi a disposizione dalla scuola al plesso Comandini di via Boscone 200, Cesena
Gli alunni del plesso Pascal delle prime, delle quarte e delle quinte di informatica e elettronica, e gli alunni delle seconde di elettronica svolgeranno la didattica sempre in presenza nelle aule e nei laboratori messi a disposizione dalla scuola tra l’edificio storico ITI Pascal e il terzo piano scuola media Plauto adiacente all’edificio Pascal, al piazzale Macrelli 100 Cesena.

Per le assegnazioni giornaliere ad aule e laboratori si prega di consultare l’orario di lezione che sarà pubblicato a breve

Gli accessi sono differenziati come da circolare 145/19 che si prega di consultare

Per gli alunni delle classi seconde e terze ITT Informatica, (2E,G,H,I,L e 3F,H,I,L) collocati fra plesso Plauto e plesso Pascal, ai sensi di delibera del consiglio di istituto n. 44 della seduta del 24/8/20 e del collegio docenti del 1/9/20, si effettua didattica digitale integrata nel seguente modo:

per ciascuna classe, secondo la scansione degli alunni sotto indicata, si è in presenza alla prima settimana di lezione, e poi in didattica a distanza a casa nella seconda settimana, e così a rotazione per tutto l’anno fino a vigenza delle misure di prevenzione anti-rischio COVID

Sono esclusi dalla rotazione e quindi effettuano didattica sempre in presenza gli alunni H e gli alunni DSA di tutte le classi seconde e terze info.

Per alunni con difficoltà di connessione, va fatta apposita richiesta di frequenza in presenza presso gli uffici della vicepresidenza con appuntamento. Singole situazioni che richiedano dispensa dalla frequenza o frequenza fissa saranno esaminate, su richiesta dei genitori, dalla vicepresidenza.

In ogni caso andrà mantenuto il numero limite di alunni previsto dalle regole di distanziamento fra bocche di 1m sul banco e 2m dal docente in cattedra.

Per gli alunni che seguono a casa, l’assenza sul registro nella settimana di frequenza a casa è automaticamente derogata dal monte ore assenze previsto dal DPR 122/09

Tutti gli alunni a casa in rotazione parteciperanno alle lezioni in collegamento diretto mediante le webcam collocate in ciascuna aula, o secondo altre modalità individuate dai singoli docenti, in base al piano di didattica integrata che si allega alla presente.

 

TURNI DIDATTICA INTEGRATA

2E

Frequenza a scuola Prima settimana:  da AGOSTINI a HU

Frequenza a scuola  Seconda settimana:  da (LIN) LIZZO a TOME’

2G

Frequenza a scuola Prima settimana:  da APOLLARO a MONTI

Frequenza a scuola Seconda settimana:  da MORETTI a ZANOTTI

2H

Frequenza a scuola Prima settimana:  da AVARELLO a IVAN

Frequenza a scuola Seconda settimana:  da LIU a VODOPI

2I

Frequenza a scuola Prima settimana:  da ACQUAVIVA a MARKOVICH

Frequenza a scuola Seconda settimana:  da MARZARO a ZULLO

2L

Frequenza a scuola Prima settimana:  da BELLETTI a CIOBOTARU

Frequenza a scuola Seconda settimana:  da COLOMBO a VINCENZI

3F

Frequenza a scuola Prima settimana:  da ANGELINI a GRIDELLI

Frequenza a scuola Seconda settimana:  da LIOI a VENTRUCCI

3H

Frequenza a scuola Prima settimana:  da ALPINI a GUIDI

Frequenza a scuola Seconda settimana:  da LIPPI a ZIDDA

3I

Frequenza a scuola Prima settimana:  da ANCARANI a IORIO

Frequenza a scuola Seconda settimana:  da MAGNANI a VIGNALI

3L

Frequenza a scuola Prima settimana:  da ALDINI a FERRI

Frequenza a scuola Seconda settimana:  da HEREDEA a ZOFFOLI

 

Cesena,  2/9/ 2020

 

Il DS Francesco Postiglione

8-20 – richiesta Autorizzazioni libera professione e incarichi retribuiti a.s. 2019.20

8-20 – richiesta Autorizzazioni libera professione e incarichi retribuiti a.s. 2020-21

Circ. 8-20 – Cesena, 1/9/20

Ai docenti e ATA

Alla DSGA, al personale ATA e all’Uff. del personale Albo/sito WEB

 

 

OGGETTO:Autorizzazione allo svolgimento della libera professione per l’a.s. 2020/21 e al conferimento  di incarichi ai dipendenti dell’Istituto da parte  di soggetti esterni pubblici e privati

 

Con la presente si dà informativa sulle disposizioni legislative che regolano la concessione di autorizzazioni a specifici incarichi e per l’esercizio di libere professioni. In particolare, l’art.53 del D.Lgs.165/2001dispone che resta ferma per tutti i dipendenti pubblici la disciplina delle incompatibilità dettata dagli articoli 60e seguenti del T.U. 3/57, con una serie di deroghe a tale principio applicabili al personale scolastico,che possono essere così individuate:

 

  • Deroghe di tipo oggettivo (attività espressamente elencate dal c. 6, art. 53 del D.Lgs. 165/01);
  • Deroghe per gli incarichi retribuiti (se occasionali, temporanei, non in conflitto di interessi anche potenziali con l’amministrazione di appartenenza, non compresi nei doveri d’ufficio e naturalmente compatibili con il servizio in modo da non pregiudicarne il regolare e puntuale svolgimento – Circ. F.P. Parere 1/2012).
  • Deroghe di tipo soggettivo (part-time non superiore al 50% rispetto al tempo pieno);

 

 

I commi dal 7 a 11 dell’art.53 del D.Lgs.165/01 prevedono che gli incarichi retribuiti conferiti ai pubblici dipendenti devono essere preventivamente autorizzati dall’Amministrazione di appartenenza. Tali incarichi sono quelli, anche occasionali, non compresi nei compiti e doveri di ufficio, per i quali è previsto, sotto qualsiasi forma, un compenso.

 

  1. DEROGHE di tipo oggettivo. Ai sensi del c. 6, art. 53, sono ESCLUSI dalla richiesta di autorizzazione i compensi derivanti dalle seguenti attività (sempre e comunque in regime di mancanza di conflitto di interessi):

 

a)collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e simili;

  1. b) utilizzazione economica da parte dell’autore o inventore di opere dell’ingegno e di invenzioni;
  2. c) la partecipazione a convegni e seminari;
  3. d) incarichi per i quali è corrisposto solo il rimborso delle spese documentate;

e)le attività rese a titolo gratuito presso associazioni di volontariato e/o cooperative a carattere socio-assistenziale senza scopo di lucro;

  1. e) incarichi per lo svolgimento dei quali il dipendente è posto in posizione di aspettativa, di comando o fuori ruolo;
  2. f) incarichi conferiti dalle OO.SS. a dipendenti presso le stesse distaccati o in aspettativa non retribuita;

f-bis) attività di formazione diretta ai dipendenti della pubblica amministrazione nonché di docenza e di ricerca

scientifica (in base alla modifica effettuata dalla Legge 125 del 30/10/2013).

 

 

B)-  DEROGHE per  gli incarichi retribuiti (anche  occasionali) non compresi nei doveri d’ufficio conferiti da altre Amministrazioni Pubbliche o da soggetti privati. Le condizioni per cui possono essere autorizzati tali incarichi sono le seguenti (Art. 508, c. 15 del D.Lgs. 297/94):

 

ØL’attività deve essere svolta al di fuori dell’orario di servizio e deve essere autorizzata dal DS.

ØNON sono autorizzabili incarichi in società costituite a fine di lucro,tranne che si tratti di cariche in società od enti per i quali la nomina è riservata allo Stato e sia intervenuta l’autorizzazione del MIUR.

Ø Sono autorizzabili attività esercitate sporadicamente e occasionalmente, anche se eseguite periodicamente e retribuite, qualora per l’aspetto quantitativo e per la mancanza di abitualità, non diano luogo ad interferenze con l’impiego e non assumano caratteristiche di “prevalenza” rispetto all’impegno derivante dal rapporto pubblico;

Ø Sono autorizzabili attività che non prevedono conflitto (anche potenziale) con gli interessi dell’amministrazione (Legge 190/12) e con il principio del buon andamento della Pubblica Amministrazione;

Ø Sono autorizzabili attività che non prevedono il coinvolgimento, per eventuali patrocini in controversie, con la Pubblica Amministrazione;

Ø  Sono autorizzabili attività che prevedono la compatibilità dell’impegno lavorativo derivante dall’incarico con l’assolvimento di tutte le attività inerenti l’attività cui il dipendente è addetto, in modo tale da non pregiudicarne in nessun modo il regolare svolgimento, con l’ulteriore precisazione che l’attività dovrà necessariamente essere svolta al di fuori dell’orario di servizio

 

 Regime di INCOMPATIBILITA’ – Restano in ogni caso sempre incompatibili con il rapporto di pubblico impiego le seguenti attività (T.U. n° 3/57):

 

  • attività imprenditoriale (commerciale, industriale, professionale, artigianale), salvo i casi in cui il dipendente ha un contratto di P.T. non superiore al 50%;
  • L’assunzione di cariche in società aventi scopo di lucro;
  • Attività che presentano elementi di conflitto di interessi (attività che possono pregiudicare l’esercizio imparziale delle funzioni attribuite al dipendente);
  • Il divieto di cumulo di impiego con altra Amministrazione Pubblica

 

Si noti che l’inosservanza del divieto posto dall’art. 53, c. 7 del Dlgs. 165/01 (*) impone al lavoratore che ha disatteso l’obbligo di esclusività del rapporto di pubblico impiego, il versamento a favore dell’amministrazione di appartenenza, del compenso dovuto per le prestazioni non autorizzate.

 

(*) I dipendenti pubblici non possono svolgere incarichi retribuiti che non siano stati conferiti o previamente autorizzati dall’amministrazione di appartenenza.(—). In caso di inosservanza del divieto, salve le più gravi sanzioni e ferma restando la responsabilità disciplinare, il compenso dovuto per le prestazioni eventualmente svolte deve essere versato, a cura dell’erogante o, in difetto, del percettore, nel conto dell’entrata del bilancio dell’amministrazione di appartenenza del dipendente per essere destinato ad incremento del fondo di produttività o di fondi equivalenti.

 

ATTIVITA’ PROFESSIONALI (Legge n° 4/2013 per le professioni non regolamentate)

 

Con riguardo all’attività professionale – fermo restando quanto precisato al punto B) – , l’art. 508, c. 15 del D.Lgs. 297/94 prevede che “al personale docente (anche a tempo pieno) è consentito – previa autorizzazione del dirigente – l’esercizio di libere professioni che non siano di pregiudizio all’assolvimento di tutte le attività inerente alla funzione docente e siano compatibili con l’orario di insegnamento e di servizio”. Inoltre (TAR Toscana – 26/06/95) l’esercizio delle libere professioni di cui sopra – nel pieno rispetto dei vincoli e limiti indicati – non si riferisce necessariamente alle sole professioni per le quali è richiesta l’iscrizione in albi” (Legge n°4/2013 per le professioni non regolamentate)

 

  1. DEROGHE di tipo soggettivo (part-time non superiore al 50% – Legge 662/96, art. 1, c. 56)

 

I dipendenti in regime di part time (P.T.) che non superano il 50% della prestazione lavorativa possono svolgere un’altra attività lavorativa sia come dipendente (mai con un’altra amministrazione pubblica) sia come lavoratore autonomo a condizione che tali attività non comportino un conflitto di interesse con la specifica attività di servizio del dipendente e che non arrechino pregiudizio alle esigenze di servizio. Inoltre i dipendenti a  tempo parziale con orario non superiore al 50% se iscritti ad albi professionali non possono comunque svolgere incarichi professionali per conto di PP.AA. e non possono assumere il patrocinio legale in quelle controversie dove è coinvolta una P.A. (comma 56 bis dell’art. 1,Legge 662/96 come modificata dalla Legge 140/97).

 

IMPOSSIBILITA’ della contestuale presenza di due rapporti di lavoro a T.I. con due Amministrazioni di diversa tipologia

 

NOMINE a Tempo Indeterminato (T.I.) Si fa presente che chi ha già instaurato ed ha in atto un rapporto di lavoro non può sottoscrivere un contratto a T.I. nel comparto scuola se non ha prima risolto il precedente rapporto di lavoro proprio per le ragioni di “incompatibilità”sopra richiamate. Tale incompatibilità non deve quindi sussistere al momento della stipula del contratto e non può essere sanata con la concessione dell’aspettativa: tale aspettativa si matura infatti successivamente con la sottoscrizione senza cause ostative del contratto di assunzione in ruolo.

 

Differente è invece il caso del dipendente (sempre a tempo indeterminato) che opta per il part-time (P.T.): in tal caso  infatti il dipendente può conservare  il precedente rapporto di lavoro, a condizione che sia di natura privata e che il P.T. sia di durata pari o inferioreal50% della prestazione oraria piena.

 

NOMINE a Tempo Determinato (T.D.) – Nel caso di dipendenti che abbiano già un rapporto di lavoro con un soggetto privato cui venga proposta una supplenza (nomina quindi a T.D.), la stessa potrà essere comunque conferita se trattasi di un monte ore non superiore alla metà dell’orario ordinario di servizio del titolare. La normativa su esposta per il personale in P.T. è applicabile anche al personale titolare di “spezzone orario”, sempre e in ogni caso in assenza di conflitto di interesse con il rapporto di lavoro a scuola. Infine, in caso di “spezzone orario” superiore al50%,si applicherà in toto la disciplina sulle incompatibilità precedentemente richiamata per cui la supplenza è incompatibile con altro rapporto di lavoro presso enti privati; invece la stessa potrà essere conferita se il destinatario della stessa rientra nelle condizioni esposte al punto B) della presente (deroghe per incarichi retribuiti)

 

Ciò premesso, si forniscono agli interessati le seguenti istruzioni operative:

 

Autorizzazione a libera professione e a svolgere incarichi retribuiti non compresi nei doveri d’ufficio.

 

Per i docenti: è possibile presentare richiesta di autorizzazione allo svolgimento della libera professione e/o di incarichi retribuiti secondo i criteri ed i limiti di cui sopra. Si ricorda che tale esercizio non deve creare pregiudizio all’ordinato e completo assolvimento della funzione docente e deve risultare compatibile con l’orario di insegnamento e di servizio.

La richiesta va presentata all’uff. personale attraverso la compilazione di apposito modulo (Allegato1).

Il Dirigente potrà concedere la suddetta richiesta previa valutazione dei requisiti di cui al c.5 dell’art. 508 del D.Lgs. 297/94 (vedi punto B)

 

Peril personale ATA, interessato ad incarichi conferiti da enti esterni all’amministrazione scolastica:

  1. Occorre che l’ente che intende conferirgli l’incarico abbia formalmente richiesto l’autorizzazione al Dirigente Scolastico (assolutamente prima di iniziare l’incarico), accertandosi prima di iniziare eventuali attività che la stessa sia stata autorizzata;
  2. Per gli scopi di  cui  al punto 1), occorre far compilare all’ente conferente l’incarico il modello Allegato 2”(vedi modulo allegato), indipendentemente  dai  modelli forniti dall’ente. Le  voci dell’allegato 2 infatti devono essere compilate tutte con cura, come previsto dalla normativa.

 

N.B. Si noti che (Legge 662/96) per il personale ATA l’attività libero-professionale è autorizzabile solo se il dipendente si trovi in Part-Time con prestazione lavorativa NON superiore al 50% e sempre che la stessa non rechi pregiudizio alle esigenze di servizio e non sia incompatibile con l’attività di Istituto

 

Per il personale Docente interessato ad incarichi conferiti da enti esterni all’amministrazione scolastica:

1.Sel’incarico prevede compensi ai sensi delle lettere a,b,c,d,e,f,f-bis prima citate, non è necessaria alcuna richiesta di autorizzazione;

  1. Se trattasi di in carico di altra natura, valgono le condizioni ed i vincoli elencati nel punto B) o nel punto C).

 

 

Esonero, aspettative o part-time per dottorati di ricerca

In base a recente uantitat del MIUR, la concessione di esoneri, aspettative o part-time per dottorati di ricerca non può essere uantit dal sottoscritto prima di avvenuta indagine da parte di specifica commissione preposta dal MIUR. Pertanto, dietro richiesta di esonero per dottorato, il sottoscritto informerà la commissione MIUR e attenderà l’esito dell’indagine prima di rilasciare la sua autorizzazione.

Co.co.co o attività professionale con collaborazione continuata: essa è vietata per il personale alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni (escluso chi ha part-time non uantita al 50%) dunque l’unica attività concessa è temporanea e occasionale. Sono, quindi, autorizzabili le attività non di lavoro subordinato esercitate sporadicamente ed occasionalmente, anche se eseguite periodicamente e retribuite, qualora per l’aspetto uantitative e per la mancanza di abitualità, non diano luogo ad interferenze con l’impiego;

Svolgimento di ripetizioni private da parte di insegnanti: Come indicato nel Testo Unico Scuola Dlgs 297/94 agli art. 508 agli insegnanti non è consentito svolgere lezioni private per alunni del proprio istituto. Per alunni di altri istituti, come ribadito dalla legge di bilancio L. 145/18 gli insegnanti che svolgono lezioni private devono dichiararlo e chiedere l’autorizzazione al DS (mediante Allegato1)

Infine, a sensi della Legge 190/12, le PP.AA. che conferiscono o autorizzano incarichi, anche a titolo gratuito, ai propri dipendenti devono comunicare per via  telematica (nel termine di 15 giorni) al Dipartimento della Funzione Pubblica gli incarichi conferiti e/o autorizzati ai dipendenti stessi.

 

Il DS

 

 

ALLEGATO 1

AL DIRIGENTE SCOLASTICO

Oggetto: richiesta autorizzazione all’esercizio della libera professione o a incarico retribuito occasionale

lL/la sottoscritto/a________________________________________________________________

nato/a a __________________________________________________ il ___________________

residente a_______________________________ via/n° _________________________________

docente a tempo determinato/indeterminato presso questo Istituto per la materia/e

_______________________________________________________________________________

Iscritto/a al seguente Albo Professionale e/o elenco speciale (barrare se non interessa)

_______________________________________________________________________________

CHIEDE per l’anno scolastico in corso

l’autorizzazione ad esercitare la libera professione di_______________________________ai sensi dell’art. 508 del D.Lgs 297/94.

l’autorizzazione a conferimento  di  incarichi  retribuiti da parte di altri soggetti pubblici e privati.

IN CASO DI LIBERA PROFESSIONE

Il/La sottoscritto/a dichiara di essere a conoscenza dell’art. 53 comma 7 D.lvo n. 165/2001 ed in particolare di sapere che l’autorizzazione richiesta è subordinata alla condizione che l’esercizio della libera professione/incarico retribuito non sia di pregiudizio all’assolvimento degli obblighi inerenti alla funzione docente e alle altre varie attività di servizio previste nel piano annuale degli impegni e risulta compatibile con l’orario di insegnamento e che la stessa è inoltre revocabile in conseguenza delle  modifiche di tale presupposto.

IN CASO DI INCARICO RETRIBUITO OCCASIONALE

Il sottoscritto dichiara di essere a conoscenza che detta attività non entra in conflitto con gli interessi dell’amministrazione e con il principio del buon andamento della pubblica amministrazione e che l’incarico retribuito per il quale si richiede autorizzazione presenta carattere contingente ed eccezionale e non comporta alcun rapporto di subordinazione o inserimento stabile nell’organizzazione conferente. Tale prestazione sarà svolta in assenza di contrasto e conflitti di interessi anche potenziali con le attività istituzionali, in orari diversi da quelli di servizio e non interagirà con i compiti e i doveri di ufficio del dipendente.

________________li, ____________

Firma del dipendente ___________________________

Firma del Dirigente Scolastico (per approvazione)
Prof. Francesco Postiglione
ALLEGATO 2 (per l’ente richiedente)

 

Al: Dirigente Scolastico

Is Pascal Comandini di Cesena

Oggetto: Richiesta autorizzazione : incarico _________________________

Codice fiscale _________________________

Cognome _________________________

Nome  _________________________

Dati soggetto conferente _________________________

Tipologia soggetto conferente _________________________

Codice fiscale _________________________

Denominazione _________________________

Oggetto dell’incarico : Docenze/altro (specificare)_________________________

Tipologia importo (lordo) Previsto /presunto Importo

Incarico conferito in applicazione di una specifica norma si/no ____________________

Riferimento normativo per il conferimento dell’incarico ___________________________

Data inizio incarico _________________________

Data fine incarico _________________________

Ragioni a motivo del conferimento _________________________

Il richiedente dichiara con la presente che la prestazione per la quale si richiede autorizzazione presenta carattere contingente ed eccezionale e non comporta alcun rapporto di subordinazione o inserimento stabile nell’organizzazione conferente. Tale prestazione sarà svolta in assenza di contrasto e conflitti di interessi anche potenziali con le attività istituzionali, in orari diversi da quelli di servizio e non interagirà con i compiti e i doveri di ufficio del dipendente.

Data……………………………. Firma del rappresentante dell’ente richiedente ……………………………………….

 

 

7-20 – informativa su richiesta permessi, ferie, e altro

7-20 – informativa su richiesta permessi, ferie, e altro

Cesena,  1 settembre 2020

Circolare 7-2020

Ai docenti e al personale ATA

Alla signora De Blasi

Ufficio personale

Pc: alla DSGA

 

Oggetto: disposizioni in merito a richiesta permessi e ferie ai sensi di CCNL Scuola

 

Si informano le unità di personale docente ed ATA che i permessi usufruibili ai sensi del CCNL scuola (permessi retribuiti giornalieri, permessi orari brevi, permessi per aggiornamento, formazione, partecipazione a concorsi ecc.) nel corso dell’anno scolastico vanno richiesti con un anticipo di almeno 2 giorni dalla data del permesso per consentire l’organizzazione delle sostituzioni con i colleghi.

Fanno eccezione:

  • per tutti: i permessi ex legge 104/92, in caso di circostanze veramente urgenti. Altrimenti, il CCNL 16-18 raccomanda di presentare il permesso nei termini di tre giorni di anticipo.
  • Per tutti: i permessi per lutto, per l’ovvia natura imprevista della richiesta.

Si ricorda inoltre che per i docenti le richieste di ferie (entro i 6 giorni durante l’a.s., art. 13 comma 9) vanno presentate previamente con le sostituzioni già trovate e comunque potendosi dette richieste approvare solo “alla condizione che non vengano a determinarsi oneri aggiuntivi anche per l’eventuale corresponsione di compensi per ore eccedenti”.

Si informa inoltre il personale ATA e i docenti che i permessi vanno richiesti direttamente all’ufficio personale mediante MODULISTICA ON LINE MESSA A DISPOSIZIONE DAL REGISTRO CLASSE VIVA INFOSCHOOL, e detti permessi saranno validati, per quanto riguarda permessi brevi e permessi retribuiti giornalieri, dai collaboratori di dirigenza in quanto aventi delega di firma.

Il Dirigente e i suoi collaboratori dunque esaminano solo i permessi già compilati secondo il consueto modulo: permessi richiesti verbalmente o via mail non sono presi in considerazione.

 

 

Il Dirigente Scolastico

Prof. Francesco Postiglione

6-20 – regolamento vigilanza

6-20-regolamento-vigilanza

Circolare 6-20                                                           Cesena, 1/9/20

 

ISTITUTO SUPERIORE STATALE PASCAL/COMANDINI

Regolamentazione degli aspetti organizzativi per la sicurezza negli

ambienti scolastici e la vigilanza sugli allievi

 

 

A tutto il personale docente e non docente

A tutti gli allievi

Albo /sito WEB

 

VISTO l’art 29, comma 5 del CCNL scuola vigente

VISTO il T.U sulla scuola, Dlgs 297/94

VISTA la legge 172/17 del 4 dicebmre 2017

VISTA la sentenza della Corte dei Conti sez III 19/9/88 n. 177

VISTA la sentenza della Corte dei Conti, Sez. II, 4/12/78 n. 214

VISTA la sentenza della Corte dei Conti, sez. III, 19.2.1994, n. 1623

VISTO il Dlgs 165/01 sulle competenze del Dirigente Scolastico

VISTI gli artt. 2047 e 2048 del Codice Civile

VISTE le circolari da 132 a 143 sulle misure anti rischio COVID

 

Si richiamano anzitutto le indicazioni date a inizio a.s. dalla circolare annuale sulle disposizioni per l’anno scolastico per i docenti: per assicurare l’accoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe 5 minuti prima dell’inizio delle lezioni e ad assistere all’uscita degli alunni medesimi (art.29, comma 5, C.C.N.L.). La vigilanza nelle aule durante gli intervalli spetta ai rispettivi insegnanti in servizio della seconda e terza ora, e agli insegnanti della quarta e quinta ora, secondo il loro orario di servizio. Tali docenti manterranno il controllo anche della parte di corridoio prospiciente l’aula. Il controllo delle aree di transito sarà effettuato dal personale ausiliario.

Si forniscono di seguito alcuni riferimenti normativi e misure organizzative tese ad impedire il verificarsi di eventi dannosi nei confronti degli alunni conseguenti a negligenza e vigilanza.

1) VIGILANZA DURANTE LO SVOLGIMENTO DELL’ATTIVITA’ DIDATTICA

Fa parte degli obblighi di servizio imposti agli insegnanti quello di vigilare sugli allievi. A tal proposito, dispone l’art. 29, comma 5, CCNL Scuola 2006/2009 che, per assicurare l’accoglienza e la vigilanza sugli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe cinque minuti prima dell’inizio delle lezioni e ad assistere all’uscita gli alunni medesimi. La responsabilità per l’inosservanza del predetto obbligo è disciplinata dagli artt. 2047 e 2048 del Codice Civile. L’obbligo di vigilanza sugli alunni durante le attività scolastiche e durante gli spostamenti degli stessi da un plesso all’altro, da una sede all’altra, da un’aula all’altra ecc, ricade principalmente sui docenti secondo la confermata giurisprudenza esistente.

Ai sensi dell’art. 2047 c.c. “in caso di danno cagionato da persona incapace di intendere e volere, il

risarcimento è dovuto da chi è tenuto alla sorveglianza dell’incapace, salvo che provi di non aver potuto impedire il fatto”. L’art. 2048 c.c. dispone che “ i precettori i e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. (…). Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto”.

Nelle ipotesi di responsabilità ex artt. 2047 e 2048 c.c., l’insegnante si libera se prova di non aver potuto impedire il fatto, dimostrando, quindi, di aver esercitato la vigilanza nella misura dovuta, e che, nonostante l’adempimento di tale dovere, il fatto dannoso per la sua repentinità ed imprevedibilità gli abbia impedito un tempestivo efficace intervento. La Corte dei Conti, sez. III, 19.2.1994, n. 1623, ha ritenuto, inoltre, che l’obbligo della vigilanza abbia rilievo primario rispetto agli altri obblighi di servizio e che, conseguentemente, in ipotesi di concorrenza di più obblighi derivanti dal rapporto di servizio e di una situazione di incompatibilità per l’osservanza degli stessi, non consentendo circostanze oggettive di tempo e di luogo il loro contemporaneo adempimento, il docente deve scegliere di adempiere il dovere di vigilanza.

Durante l’esercizio delle attività didattiche, il responsabile della vigilanza sugli alunni della classe è, dunque, il docente assegnato alla classe in quella scansione temporale. Il docente che, durante l’espletamento dell’attività didattica debba assentarsi temporaneamente dalla classe, prima di allontanarsi dalla scolaresca deve incaricare un collaboratore scolastico di vigilare sugli alunni sino al suo ritorno. Il collaboratore scolastico non si può rifiutare di effettuare la vigilanza su richiesta del docente, come disposto dal Profilo Professionale (CCNL 2006/2009). Il collaboratore scolastico è responsabile per i danni subiti dagli alunni a causa della sua omessa vigilanza, solo se aveva precedentemente ricevuto l’affidamento dei medesimi.

Pertanto, in caso di ritardo del docente all’ingresso in aula il collaboratore scolastico del piano prospiciente l’aula è tenuto alla sorveglianza degli alunni fino all’arrivo del docente.

Spetta poi al docente di presentare le motivazioni del detto ritardo al Dirigente Scolastico.

2) VIGILANZA DALL’INGRESSO DELL’EDIFICIO FINO AL RAGGIUNGIMENTO

DELL’AULA – vedi anche circolare 137/19 sugli ingressi e uscite differenziate

Al fine di regolamentare l’ingresso degli alunni nell’edificio scolastico all’inizio di ogni turno di attività, antimeridiano o pomeridiano, si dispone che presso ciascun ingresso dell’edificio sia presente almeno un collaboratore scolastico che presta la dovuta vigilanza sugli alunni. Gli ingressi sono preclusi all’entrata di alunni fino alle 7.50. Gli alunni che arrivano tra le otto e le nove per entrare alla seconda ora NON POSSONO SOGGIORNARE ALL’INTERNO DELLA SCUOLA PER DOVERE DI EVITARE ASSEMBRAMENTO.

Gli altri collaboratori scolastici in servizio nel turno vigileranno il passaggio degli alunni nei rispettivi piani o ambiti di servizio fino all’entrata degli stessi nelle proprie aule.

Quest’anno fino al perdurare dell’emergenza sanitaria i due plessi hanno ingressi e uscite differenziate. Si prega di prendere visione della circolare 137/19 per individuare l’ingresso e uscita di competenza

3) VIGILANZA DURANTE IL TRAGITTO AULA-USCITA DALL’EDIFICIO AL TERMINE

DELLE LEZIONI

Al fine di regolamentare l’uscita degli alunni dall’edificio scolastico al termine di ogni turno di attività, si dispone che presso ciascuna porta di uscita dell’edificio sia presente almeno un collaboratore scolastico con il compito di prestare la dovuta vigilanza nel passaggio degli alunni.

Si sottolinea inoltre che, ai sensi del CCNL 2006/09, Art. 29, comma5, gli insegnanti sono tenuti ad assicurarsi che nessun allievo si allontani prima dell’orario di uscita previsto.

4) VIGILANZA DURANTE L’INTERVALLO – vedi anche circolare 140/19
Come noto (regolamento di Istituto), La vigilanza durante gli intervalli spetta ai rispettivi insegnanti in servizio in quell’orario di intervallo, permanendo ognuno nella propria aula secondo orario o nelle immediate vicinanze per poter vigilare sugli alunni stessi. I collaboratori scolastici hanno l’obbligo riconosciuto per legge (sentenza Corte dei Conti sez. III 19/9/88) di vigilare nei corridoi e negli spazi comuni durante l’intervallo e nei cambi d’ora. Pertanto vigileranno, oltre il corridoio di competenza, anche presso i bagni e le zone interne ove sono presenti i distributori per le merende e le bevande. I collaboratori scolastici, per favorire nelle classi l’eventuale cambio di turno dei professori e per intervenire in caso di eventuali necessità, sono tenuti a presidiare costantemente il proprio piano di servizio, senza allontanarsi, se non per chiamata degli Uffici della Scuola o per esigenze impellenti. Per gli allievi che durante l’intervallo si recano nel parco adiacente l’Istituto, è fatto loro divieto di allontanarsi dallo stesso uscendo fuori dal perimetro dell’edificio. E’ incaricato il Collaboratore Scolastico che ha cura del centralino per la vigilanza antistante il parco presso lo scalone centrale, e un collaboratore scolastico a turno fra quelli che presidiano il piano terra nord per la vigilanza degli spazi esterni antistanti il lato bar. E’ il caso di ricordare che detta vigilanza negli spazi esterni deve esercitarsi anche in merito al rispetto del divieto di fumo.

5) VIGILANZA SUI “MINORI BISOGNOSI DI SOCCORSO”

La vigilanza sui “minori bisognosi di soccorso”, nella fattispecie, alunni portatori di handicap grave,

particolarmente imprevedibili nelle loro azioni ed impossibilitati ad autoregolamentarsi, deve essere sempre assicurata dal docente di sostegno o dal docente della classe eventualmente coadiuvato, in caso di necessità, da un collaboratore scolastico.

6) VIGILANZA DURANTE IL TRAGITTO SCUOLA – PALESTRA , SCUOLA-SUCCURSALE,

LABORATORI, AULE SPECIALI E VICEVERSA

Durante il tragitto scuola – succursale, scuola – palestra (anche all’esterno), laboratori, aule speciali e viceversa, la vigilanza sugli alunni è affidata al docente in servizio.

E’ fatto divieto agli alunni recarsi alla succursale o alla palestra esterna senza la presenza del docente in servizio, fatti salvi i casi previsti dal regolamento di istituto.

7)misure a tutela della sicurezza nei laboratori meccanici

Visto l’articolo 75 del D.Lgs. 81/08, al fine di garantire la prevenzione e la protezione dagli infortuni durante le attività didattiche e gli esami che si svolgono nei laboratori meccanici L12, L15 ed L18 (lavorazione alle macchine utensili), oltre ai Dispositivi di Protezione individuale già previsti, a partire dall’AS 2018/2019 si individuano come obbligatori per l’accesso e lo svolgimento delle attività nei suddetti laboratori anche le scarpe antinfortunistiche.

Tali strumenti entrano a far parte della dotazione obbligatoria di cui gli studenti devono essere provvisti entro l’inizio delle attività didattiche.

Si specifica inoltre che, in sede di esame di qualifica, chi non sarà provvisto dei dispositivi necessari (camice, occhiali protettivi e scarpe antinfortunistiche) non potrà sostenere la prova prevista.

8) VIGILANZA DURANTE GITE, USCITE DIDATTICHE, VIAGGI DI ISTRUZIONE

Per la Corte di Cassazione (sentenza n. 1769 dell’8 febbraio 2015) gli insegnanti accompagnatori hanno lp’obbligo di verificare la sicurezza delle strutture alberghiere prescelte, cioè sono tenuti a “un obbligo di diligenza preventivo” e sono tenuti a effettuare controllo preventivi delle stanze in cui alloggiano i ragazzi. Per l’individuazione cioè di responsabilità di omessa vigilanza da parte dei docenti, anche in considerazione dell’età vicina alla maggiore età degli alunni, la giurisprudenza punta non solo alla repressione dei comportamenti inadatti, ma alla prevenzione. I genitori restano comunque responsabili del comportamento scorretto dell’allievo soprattutto in situazioni (riposo notturno) ove va dato il dovuto rilievo all’autonomia del soggetto il cui eventuale illecito deriva più che da una carenza di vigilanza (impossibile la vigilanza 24 ore su 24) da un deficit educativo imputabile alla famiglia ovvero alla cosiddetta culpa in educando

9) DOVERI DEGLI ALUNNI

Gli alunni sono tenuti a rispettare il lavoro e a seguire le indicazioni degli insegnanti e dei collaboratori scolastici, che assicurano con i docenti il buon funzionamento della scuola, collaboratori che in alcuni momenti possono essere incaricati della sorveglianza di una classe o di un gruppo di alunni nonché dei corridoi e dei servizi durante le ore di lezione e dell’intervallo. E’ il caso di ricordare che certi atti come la rimozione di cautele contro gli infortuni sul lavoro o della segnaletica per la prevenzione di eventi dannosi, costituisce reato penale (art. 437 c.p.) per il quali è previsto un regime di detenzione fino a 5 anni.

Si confida nella collaborazione di tutto il personale per una proficua attuazione di tali misure organizzative tese a garantire la sicurezza nell’ambiente scolastico ed a fornire principi comuni di

rispetto e di comportamento per gli allievi.

Regolamento Laboratori di Informatica, Elettronica, Fisica, Chimica, Meccanica, Moda, e aule speciali

I laboratori dell’Istituto sono patrimonio comune, pertanto si ricorda che il rispetto e la tutela delle

attrezzature sono condizioni indispensabili per il loro utilizzo e per mantenere l’efficienza del laboratorio stesso. Atti di vandalismo o di sabotaggio verranno perseguiti nelle forme previste, compreso il risarcimento degli eventuali danni arrecati. Ai laboratori si accede solo per ragioni inerenti l’attività scolastica, sia di tipo strettamente didattico (ore curricolari di laboratorio, attività didattiche integrative e di recupero, progetti approvati dal POF, preparazione di tesine e ricerche didattiche) che di organizzazione del lavoro individuale

del docente (piani di lavoro, progetti, autoaggiornamento, altre attività accessorie all’insegnamento della propria materia). In particolare va ricordato che l’accesso agli alunni è consentito solo in presenza di un docente. Si invitano gli utenti a rispettare le seguenti indicazioni:

Tutti i docenti che, a qualsiasi titolo, utilizzano il laboratorio sono invitati a:

  • leggere questo regolamento agli studenti, all’inizio di ogni anno scolastico, spiegando le motivazioni che stanno alla base delle regole in esso contenute;
  • leggere le norme regolamentari degli specifici laboratori classificato a rischio medio, e curare che gli alunni si attengano ai comportamenti previsti dalle norme di sicurezza
  • rispettare rigorosamente l’orario di accesso, affisso sulla porta; qualora si desiderasse utilizzare il

laboratorio in un orario in cui è libero si devono prendere accordi con la vicepresidenza e comunque segnalare l’utilizzo nell’ora in questione ai collaboratori scolastici del centralino;

  • controllare che non venga memorizzato software senza autorizzazione;
  • sorvegliare scrupolosamente che non vengano utilizzati supporti di memoria rimovibili personali non testati contro i virus;
  • vigilare affinché non vengano maltrattati o danneggiati i dispositivi presenti in laboratorio;
  • ricordare agli allievi che se venisse rilevato un danno o comunque un malfunzionamento, si riterranno responsabili coloro che hanno utilizzato il laboratorio in orario precedente alla rilevazione del problema;

costoro saranno tenuti al risarcimento relativo (vedi regolamento di Istituto).

.• fare in modo che le classi non siano lasciate a lavorare senza sorveglianza;

  • accertarsi che le macchine o le altre apparecchiature presenti nel laboratorio siano spente se non utilizzate e in ogni caso al termine del loro utilizzo, ad eccezione di disposizioni differenti impartite per iscritto dal responsabile di laboratorio.

Utilizzare i registri appositamente istituti dal responsabile di laboratorio per monitorare lo stato delle attrezzature prima e dopo l’impiego da parte del docente e degli alunni durante la propria ora di servizio

Gli studenti che accedono al laboratorio:

  • conoscere le norme di sicurezza relative al laboratorio in uso e attenersi ai relativi comportamenti previsti dalle dette norme;
  • non devono utilizzare nessuna macchina, apparecchiatura, dispositivo o attrezzatura senza l’autorizzazione esplicita dell’insegnante;
  • sono tenuti ad indicare anche gli eventuali malfunzionamenti riscontrati nelle attrezzature utilizzate;
  • prima di iniziare un’operazione mai svolta, specie se delicata o pericolosa, devono richiedere la presenza di un docente;
  • devono tenere un comportamento corretto e rispettoso delle persone e delle cose, non dissimile da quello richiesto in qualsiasi altro ambiente scolastico;
  • devono aver cura dell’attrezzatura che viene loro eventualmente fornita e riconsegnarla all’insegnante o all’assistente tecnico al termine della lezione;
  • non devono assolutamente modificare in alcun modo la configurazione dei computer e dei programmi; tuttavia nei laboratori in cui gli studenti accedono con credenziali riservate e personali, è consentita la personalizzazione dell’ambiente operativo al fine di adattarlo ad un più personale modo di lavorare e/o alle esigenze didattiche;
  • non devono utilizzare supporti di memoria rimovibili personali se non dopo che l’insegnante li avrà testati contro i virus;
  • devono salvare i file personali in cartelle specifiche che indicherà il docente;
  • sono responsabili del computer a loro assegnato: all’inizio della lezione devono comunicare

tempestivamente al loro insegnante eventuali manomissioni o danni arrecati all’aula o alle attrezzature in essa contenute;

  • non devono essere effettuate continue stampe di prova dei file: appositi comandi ne permettono la visualizzazione a video.

L’insegnante autorizzerà le singole sessioni di stampa per evitare spreco di carta e di inchiostro/toner. Non si deve utilizzare una stampante diversa da quella configurata e non deve essere comunque variata la configurazione della stampante.

  • nei laboratori è vietato consumare spuntini o bibite;
  • prima di entrare in aula, devono attendere in atrio l’arrivo dell’insegnante, senza creare intralcio o

confusione;

  • al momento di lasciare l’aula devono chiudere correttamente la sessione di lavoro sui P.C. e spegnere i P.C.

(a meno di indicazioni diverse da parte dei docenti);

  • l’accesso a siti internet è possibile solo previa autorizzazione dell’insegnante che accompagna la classe in laboratorio.

Il laboratorio deve essere tenuto in ordine e in efficienza con il contributo di tutti;

si prega quindi di fare attenzione affinché:

  • le postazioni non vengano rovinate con oggetti appuntiti o taglienti;
  • i rivestimenti in gomma non vengano tagliati o comunque danneggiati;
  • le apparecchiature e i PC vengano spenti prima di uscire;
  • le tastiere e i mouse dei computer vengano lasciati in ordine;
  • non ci siano cartacce sulle postazioni o per terra.

10) USCITA AUTONOMA DA SCUOLA:

ai sensi della recente legge 172/17, nel Patto di Corresponsabilità i genitori consenzienti firmano una autorizzazione rilasciata alla scuola per sollevare la stessa di responsabilità connesse all’uscita autonoma dell’allievo in direzione di casa, considerata anche l’età e il grado di maturità degli allievi stessi in scuola superiore. Rimane obbligo di vigilanza da parte del personale scolastico in caso che i genitori non depositino questa autorizzazione.

11) SANZIONI

Il Dirigente Scolastico provvederà a mettere in atto azioni volte alla individuazione di violazioni al presente regolamento. A seconda della gravità, queste potranno essere punite con richiamo verbale o scritto, limitazione dell’accesso dell’utente alla rete o a internet, sospensione temporanea o definitiva dell’accesso ai laboratori, risarcimento economico del danno arrecato.

 

 

Il DS

5-20 – conferma-richiesta requisiti legge 104-92

5-20 – conferma-richiesta requisiti legge 104-92

Circolare 5-20                                                Cesena, 1/9/20

A tutto il personale docente ed ATA interessato (Legge 104/92)

Alla DSGA e Uff. del personale

Albo/sito WEB

 

OGGETTO: DOMANDA O CONFERMA del POSSESSO DEI REQUISITI AI FINI DEL RICONOSCIMENTO DEL DIRITTO AD USUFRUIRE DI PERMESSI PREVISTI DALL’ART. 33 DELLA LEGGE 104/92

Considerate le nuove disposizioni in materia di cui all’oggetto (LEGGE 104/1992 ART. 33 come modificata dal D.Lvo 151/2001, dalla Legge 183/2010 integrata dal D.Lvo 119/2011 e dalla Legge 114/2014) e di quanto previsto in merito dalla Circolare della Funzione Pubblica (F.P.) n° 13/2010, tutto il personale interessato alla fruizione dei permessi di cui alla Legge 104/92 ha l’onere di presentare apposita istanza per la fruizione delle agevolazioni previste dalla Legge e di dimostrare la sussistenza dei presupposti di legittimazione attraverso la produzione di idonea documentazione oltre che produrre una dichiarazione sottoscritta di responsabilità e consapevolezza inerente tali permessi (Art. 7, Circ. F.P. 13/2010).

Ciò premesso, si forniscono le seguenti indicazioni:

  1. A) Dipendenti che intendano produrre nel corso dell’anno scolastico una NUOVA RICHIESTA di fruizione dei permessi di cui all’oggetto

In tal caso, occorre compilare la relativa domanda secondo il modello allegato alla presente corredata dai relativi allegati (All. A e All. B) come specificato nella domanda stessa (Verbale della competente Commissione ASL attestante lo stato di disabilità grave (art. 3 comma 3 legge 104/92); Documentazione (eventuale) di cui al DM 278/2000; Allegato A (Dichiarazione sostitutiva); Allegato B (Dichiarazione di consapevolezza e responsabilità). Tutta la documentazione va consegnata all’Uff. del personale.

  1. B) Dipendenti che GIA’ USUFRUISCONO di permessi e agevolazioni previste dalla legge 104/92.
  • L’amministrazione pubblica (l’Istituzione scolastica) verificherà l’adeguatezza e la correttezza della documentazione presentata chiedendone, se del caso, eventuale integrazione.

 

In entrambi i casi si ritiene opportuno sottolineare quanto segue (Art. 7 e 8 della Circ. F.P. 13/2010):

 

  • A seguito dell’accoglimento della domanda da parte dell’amministrazione, il dipendente dovrà comunicare tempestivamente il mutamento o la cessazione della situazione di fatto e di diritto che comporta il venir meno della titolarità dei benefici e dovrà aggiornare la documentazione prodotta a supporto dell’istanza quando ciò si renda necessario, anche a seguito di richiesta dell’amministrazione;
  • Salvo dimostrate situazioni di urgenza, per la fruizione dei permessi, l’interessato dovrà comunicare al dirigente competente le assenze dal servizio con congruo anticipo, se possibile con riferimento all’intero arco temporale del mese, al fine di consentire la migliore organizzazione dell’attività amministrativa;

 

Allegati disponibili in segreteria personale:

– MODULO per la richiesta di nuovi permessi di cui alla Legge 104/92;

– Allegato A (Dichiarazione sostitutiva) e Allegato B (Dichiarazione di consapevolezza e responsabilità)

-Informativa per il trattamento sulla privacy

Il Dirigente Scolastico

Francesco Postiglione

 

4-20 – disposizioni per i docenti

4-20 – disposizioni per i docenti

Circolare 4-20                                                                        Cesena, 1/9/20

Ai docenti

E, p.c. al personale ata

P.c. agli alunni e alle famiglie

Oggetto:  Disposizioni per l’anno scolastico 2020/21

 

A integrazione della circolare “disposizioni per alunni” si pubblica quanto segue per i docenti:

VIGILANZA

Per assicurare l’accoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe 5 minuti prima dell’inizio delle lezioni e ad assistere all’uscita degli alunni medesimi (art.29, comma 5, C.C.N.L.). La vigilanza durante gli intervalli spetta ai rispettivi insegnanti in servizio nell’orario in questione, permanendo ognuno nella propria aula secondo orario o nelle immediate vicinanze per poter vigilare sugli alunni stessi (vedere la circolare precedente per i dettagli).Il controllo delle aree di transito sarà effettuato dal personale ausiliario.

 

PRESA VISIONE CIRCOLARI

Al fine di garantire un’efficace organizzazione all’interno dell’istituto, è compito dei docenti leggere ogni comunicazione e/o circolare posta in visione presso il sito di Istituto e la mailing list. E’ possibile essere informati sui principali eventi della scuola (pubblicazione circolari, verbali, variazioni d’orario, comunicazioni di servizio, ecc.) attraverso la mailing list docenti@ispascalcomandini.it. Per iscrizioni alla mailing list consultare la prof.ssa Chiara Fusaroli all’indirizzo supporto.mail@ispascalcomandini.it

 

REGISTRO ELETTRONICO “CLASSE VIVA INFOSCHOOL”

E’ attivo il registro elettronico “CLASSE VIVA”. Qualsiasi segnalazione da parte dei docenti su qualsiasi problematica inerente all’utilizzo o funzionamento del nuovo registro è da segnalare ESCLUSIVAMENTE al prof. Aristide Fontana (aristide.fontana@ispascalcomandini.it) per entrambi i plessi.

Le user e password per l’utilizzo del nuovo registro sono inviate via mail agli indirizzi lasciati disponibili dai docenti.

 

ACCESSO ALLA RETE DI ISTITUTO E AL WI-FI

Le credenziali per tutti i docenti sono da ritirarsi presso Marco Ferretti Marco Zoffoli o Rocco Baglivo per il Pascal, presso Aristide Fontana, Lorenzo Turroni per il Comandini

 

ASSICURAZIONE

L’importo per l’assicurazione (€ 10) potrà essere versato entro il 19 ottobre p.v. presso la Segreteria – ufficio protocollo.

 

Al fine di garantire la corretta utilizzazione delle macchine con operatore, le richieste dovranno essere presentata al personale all’ingresso entro le ore 10.30 e saranno evase il giorno successivo.

Per fotocopie urgenti, restano a disposizione le macchine self-service, i cui tesserini possono essere ritirati presso la segreteria didattica (uno per ogni classe di docenza).

 

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

I docenti coordinatori di materia sono invitati a consegnare il piano di lavoro annuale entro il 19/10/20. Tale documento sarà redatto in modalità elettronica e inserito in una cartella condivisa del registro infoschool secondo le modalità indicate nel “Vademecum documentazione didattica” inviato via mail dalla prof.ssa Gradara per il Pascal e prof.ssa Montemurro per il Comandini.

 

COMUNICAZIONE ASSENZE E SOSTITUZIONI DOCENTI ASSENTI

La comunicazione di assenza per malattia e ogni comunicazione o richiesta di permesso/ferie va inoltrata presso la segreteria amministrativa alla attenzione della sig.ra Loredana Maestri attraverso la modulistica on line messa a disposizione dal registro elettronico Infoschool.

Tale ufficio provvederà a trasmettere l’informazione alla vicepresidenza, dove verrà preso il relativo provvedimento di sostituzione e/o modifica orario delle classi interessate.

Detti provvedimenti sono esclusivamente demandati all’ufficio di vicepresidenza, e le sostituzioni vengono pubblicate sul sito alla pagina variazioni (stampa anche in portineria al Pascal). Si prega dunque i docenti di attenersi direttamente ed esclusivamente all’ufficio di vicepresidenza per quanto attiene alle disposizioni di sostituzione.

Poiché le sostituzioni dei docenti assenti sono disposte dalla vicepresidenza per entrambi i plessi, è estremamente opportuno avvisare anche i vicepresidi (oltre che l’ufficio personale) della richiesta di assenza.

 

COMUNICAZIONE DI VIAGGI DI ISTRUZIONE O VISITE GUIDATE DI DURATA BREVE

Vedi regolamento viaggi di istruzione e visite guidate.

 

POSSIBILI CAMBI DI AULA PER RAGIONI DIDATTICHE

Per un cambio di aula in uso didattico, è possibile prenotarsi presso elenco cartaceo alla portineria del Pascal e presso le postazioni dei CS sui vari piani al Comandini.

Per prenotare invece le aule speciali (aula magna Pascal o Comandini, altre aule speciali) si invia una mail a prenotazione.aule@ispascalcomandini.it .

E’ vietato per i docenti e per gli alunni occupare aule a propria scelta e senza preavviso, per non creare disagio ai collaboratori scolastici e/o alle famiglie nei casi in cui si ha necessità di comunicare circolari o altre disposizioni alla classe o al singolo alunno/docente.

 

MISURE ANTI RISCHIO COVID

E’ fatto esplicito obbligo al personale della scuola e quindi anche ai docenti di leggere tutte le circolari pubblicate sul sito della scuola sul tema delle misure anti rischio COVID e presenti al link

https://www.ispascalcomandini.it/prevenzione-del-rischio-di-infezione-da-covid-19-in-ambiente-di-lavoro/2020/07/07/

PRESENZA DEL DIRIGENTE A SCUOLA

Il Dirigente Scolastico, salvo inderogabili impegni presso altre sedi, sarà presente in istituto dividendosi fra i due plessi. Per docenti studenti e famiglie è esposto al centralino apposito orario di ricevimento giornaliero, che si prega di rispettare.

 

Confidando nella Vostra cortese collaborazione auguro a tutti un buon anno scolastico.

 

Il Dirigente Scolastico

3-20 – disposizioni per alunni

3-20-disposizioni-per-alunni

Circolare n. 3-20                                                                               Cesena, 1/09/2020

–  Agli studenti e per loro tramite ai genitori

E p.c.: ai Docenti dell’Istituto

E p.c.: al personale ATA

 

Oggetto:  Disposizioni di inizio anno scolastico 2020/21

 

Si trasmettono di seguito le disposizioni di carattere generale relative all’avvio del nuovo anno scolastico.

 

  1. ORARIO DI LEZIONE

 

Come da delibera assunta nei competenti Organi Collegiali, l’orario delle lezioni a regime risulta essere il seguente:

 

ITT PASCAL

ORE ORARIO
1^ ora 8.00 –  9.00
2^ ora 9.00 – 10.00
3^ ora 10.00 – 11.00
4^ ora 11.00 – 12.00
5^ ora 12.00 – 13.00
6^ora (variabile da lun a sab) 13.00 – 14.00

 

In via eccezionale, in deroga al regolamento di istituto, per via dell’emergenza COVID e la necessità di fare intervallo in aula (vedi circolare 140) tutti i giorni sarà effettuato un intervallo dalle ore 9.50 alle ore 10.00 e dalle 11.50 alle ore 12.00.

Gli intervalli si svolgono in aula fino al perdurare dell’emergenza sanitaria (vedi circolare 140/19)

 

IPSIA COMANDINI

ORE ORARIO
1^ ora 8.05 –  9.05
2^ ora 9.05 – 10.00
3^ ora 10.10 – 11.05
4^ ora 11.05 – 12.00
5^ ora 12.10 – 13.05
6^ora (MA-ME-GIO) 13.05 – 13.55

 

Tutti i giorni sarà effettuato un intervallodalle ore 10 alle 10.10 e dalle 12 alle 12.10.

Gli intervalli si svolgono in aula fino al perdurare dell’emergenza sanitaria (vedi circolare 140/19)

 

 

  1. ACCESSO ALL’EDIFICIO

 

Fino al perdurare dell’emergenza sanitaria gli alunni accedono da tre ingressi per ciascun plesso in maniera differenziata, secondo la circolare 137/19 che si invita a consultare con urgenza

 

Gli allievi potranno accedere alle aule nei cinque minuti che precedono l’inizio delle lezioni.

 

 

L’accesso ai laboratori può essere consentito solo in presenza di un docente o assistente tecnico. Non è consentito permanere nei laboratori oltre dieci minuti in assenza del docente o dell’Insegnante Tecnico Pratico, non avendo l’assistente tecnico compiti di sorveglianza della classe.

 

Attività pomeridiane: non sarà consentito agli allievi trattenersi nelle aule scolastiche e nei laboratori al termine delle lezioni mattutine. Il rientro nelle aule sarà possibile dalle ore 14.30.

 

Porte di sicurezza: si ricorda che anche durante le ore di attività scolastica è in funzione il controllo automatico delle porte di sicurezza. Un uso improprio delle stesse comporta un’immediata, quanto fastidiosa, segnalazione d’allarme. Pertanto è vietato l’uso di scale antincendio e la sosta nei relativi pianerottoli. Le porte di sicurezza devono rimanere chiuse.

 

  1. ENTRATE IN RITARDO ED USCITE ANTICIPATE OCCASIONALI

 

Ingresso a scuola: gli ingressi e le uscite anticipate saranno registrati da un apparecchio con lettore codice a barre posizionati alle entrate della scuola. E’ dovere di tutti gli allievi rammentarsi di sottoporre il proprio badge alla rilevazione quotidiana degli apparecchi.

 

Entrate in ritardo: Si ricorda che è vietato entrare in aula senza rilevazione. Per quanto riguarda i ritardi e relative sanzioni disciplinari si rimanda al regolamento di Istituto. Saranno pertanto effettuati controlli a campione durante l’anno per verificare la congruenza fra le assenze accertate dal rilevatore e quelle reali accertate in classe dai docenti. Eventuali non corrispondenze produrranno nota disciplinare di ritardo depositata dal docente della prima ora sul registro di classe.

 

Uscite anticipate:

Gli studenti, se minorenni, potranno lasciare i locali scolastici prima della fine delle lezioni solo in presenza di un genitore o di un familiare delegato (delega presentata al momento dell’iscrizione).

  • Per il plesso Pascal il familiare firmerà l’apposita ricevuta rilasciata dall’apparecchio elettronico di rilevazione presso la segreteria. Sarà compito del docente in orario annotare sul registro elettronico l’ora di uscita dell’allievo.
  • Per il plesso Comandini, il genitore/delegato compilerà il modulo di uscita anticipata consegnandolo in portineria ad un collaboratore scolastico che, dopo aver verificato l’identità del richiedente, consegnerà il modulo al docente presente in classe. Quest’ultimo annoterà quindi sul registro elettronico l’ora di uscita dello studente.

 

Gli studenti maggiorenni firmeranno personalmente la ricevuta/modulo che dovrà essere convalidata dalla vicepresidenza dopo aver ascoltato le motivazioni presentate per la richiesta di uscita anticipata. Tale richiesta dovrà essere presentata in vicepresidenza entro le ore 10, salvo casi eccezionali e non prevedibili. Per i due plessi le modalità di registrazione dell’uscita sono le stesse adottate per gli alunni minorenni.

L’uscita anticipata è automaticamente giustificata dietro presentazione della motivazione, se autorizzata.

 

Ai sensi del regolamento di istituto, le entrate in ritardo e le uscite anticipate, potranno avvenire rispettivamente solo nell’arco delle prime due ore e dell’ultima ora di lezione e, in totale, nonpotranno eccedere un numero definito dal Regolamento per anno scolastico. In caso di superamento del predetto limite per i ritardi e/o le uscite anticipate l’alunno sarà oggetto di un provvedimento disciplinare secondo la modalità prevista dal DPR 235/07, senza convocazione del consiglio di classe straordinario ma applicando direttamente la sanzione di un giorno di sospensione o altra sanzione alternativa, secondo scelta discrezionale del DS sentito il coordinatore di classe e/o il Consiglio di Classe.

 

  1. GIUSTIFICAZIONI

 

  1. a) Le giustificazioni relative alle assenze ed ai ritardi, firmate dai genitori nel caso di allievi minorenni, dovranno essere presentate entro il giorno successivo. L’eventuale mancanza di giustificazione verrà notificata sul registro di classe dal docente in servizio alla prima ora di lezione. Il protrarsi dell’inadempimento sarà comunicato alla famiglia e l’alunno potrà non essere ammesso in classe trascorsi giorni due dall’assenza benché trattenuto a scuola.
  2. b) I libretti delle giustificazioni sono strettamente personali e non hanno scadenza. Nel caso di allievi minorenni, dovrannoessere ritirati direttamente da uno dei genitori degli allievi, con contestuale firma del libretto in presenza dell’addetto di segreteria. E’ possibile richiedere un ulteriore librettosolo in caso di esaurimento del precedente, e previa presentazione di questo. In caso di smarrimento, è necessaria la richiesta personale di uno dei genitori. E’ possibile anche giustificare on line, con credenziali da richiedere in segreteria didattica.

 

  1. RICHIESTE STRAORDINARIE PER RITARDI ED USCITE PERMANENTI

 

La scuola concederà, in quanto diritto degli studenti e delle loro famiglie, su esplicita richiesta scritta controfirmata dai genitori dell’allievo, permessi straordinari permanenti d’ingresso/uscita posticipata/anticipata rispetto all’orario ordinario delle lezioni. Tali permessi saranno concessi se l’unico mezzo di trasporto utile arriverà o partirà  a/da  Cesena con un anticipo di tempo  pari o maggiore ai 30 minuti rispetto all’orario ordinario di inizio e fine delle lezioni. La famiglia sarà tenuta, anche sul piano didattico, ad assumersi la responsabilità della richiesta presentata.

 

Il Consiglio di Classe sarà informato sui nominativi degli allievi che potranno usufruire di tali permessi, attraverso apposita annotazione sul registro di classe.

 

Le richieste andranno formalizzate all’inizio dell’anno scolastico su appositi moduli reperibili nelle segreterie didattiche entro e non oltre il 24/09/2020. I permessi verranno concessi previo esame della documentazione.

 

6 – ASSENZE E NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI ALLIEVI

 

La scuola, su segnalazione del docente coordinatore di classe e/o della vicepresidenza, ed in occasione delle udienze generali, oltre che attraverso il registro elettronico delle assenze, informa la famiglia in merito al numero e alla tipologia delle assenze. La famiglia collaborerà controllando puntualmente il numero delle assenze e dei permessi di entrata/uscita accumulati dall’allievo durante l’anno scolastico. A tal fine all’inizio dell’anno scolastico verrà consegnata ai genitori una password per l’accesso ad un’area riservata del sito internet dell’istituto ove poter visionare, in modo certo e riservato, le informazioni citate.

 

Si raccomanda in avvio di anno scolastico, conformemente anche allo spirito del Patto di Corresponsabilità Educativa, di prendere visione del Regolamento di Istituto pubblicato nell’area Regolamenti del sito della scuola (www.ispascalcomandini.it.).

 

Il rispetto di tali norme, così come un comportamento corretto e rispettoso nei confronti del personale, delle cose, e degli ambienti scolastici verrà considerato fondamentale per una pacifica e fruttuosa convivenza all’interno dell’istituto.

In particolare si ricorda che nei locali della scuola è vietato fumare e utilizzare i telefoni cellulari.

E’ inoltre tassativamente vietato, e costituisce reato, utilizzare strumenti di riproduzione video o audio senza l’esplicito consenso delle persone riprese, ai sensi del D.Lvo 196/03 e successive integrazioni. Oltre alle eventuali sanzioni civili, coloro che trasgrediscono a questo divieto saranno sanzionati con provvedimento disciplinare straordinario ai sensi del Dpr 122/09 sulla valutazione del comportamento e dello Statuto studenti e studentesse (Dpr 235/07).

 

  1. COMUNICAZIONI ISTITUZIONALI

 

L’istituto Pascal comunica e pubblica le informazioni di uso comune per tutta l’utenza mediante il sito web www.ispascalcomandini.it.

 

  1. REGISTRO ELETTRONICO “CLASSE VIVA INFOSCHOOL”

Si informano le famiglie di tutti gli alunni che la scuola ha un registro elettronico, accessibile come di consueto dal sito internet alla pagina “Registro”.

Per accedere alla pagina e consultare voti e assenze di ciascun allievo ogni famiglia deve essere dotata di username e password, che possono esclusivamente essere consegnate di persona al genitore. Di conseguenza si invitano i genitori a recarsi presso la scuola per la consegna della propria login. E’ammessa la delega al figlio/a ma solo se firmata e con documento di identità in copia del genitore che ha firmato.

 

  1. VARIAZIONI DI ORARIO E SOSTITUZIONI QUOTIDIANE DI DOCENTI

Le variazioni di orario per le classi e le entrate posticipate o le uscite anticipate per assenza docenti sono comunicate dalla scuola ai genitori, alunni e docenti ESCLUSIVAMENTE via sito di istituto nella sezione PRIMO PIANO, da consultare ogni giorno, anche nel pomeriggio, per verificare la presenza di sostituzioni inserite successivamente al termine delle lezioni.
Un foglio di presa visione delle variazioni e sostituzioni sarà consultabile comunque anche al centralino.

 

  1. MISURE ANTI RISCHIO COVID

Si prega di leggere tutte le circolari pubblicate sul sito della scuola dalla 133 alla 143 e presenti alla pagina

https://www.ispascalcomandini.it/prevenzione-del-rischio-di-infezione-da-covid-19-in-ambiente-di-lavoro/2020/07/07/

  1. PRESENZA DEL DIRIGENTE A SCUOLA

 

Il Dirigente Scolastico, salvo inderogabili impegni presso altre sedi, sarà presente con apposito orario di ricevimento giornaliero. Per appuntamenti telefonare al centralino.

Confidando nella Vostra cortese collaborazione auguro a tutti un buon anno scolastico.

 

Il Dirigente Scolastico

 

 

2-20- Attivazione e consegna credenziali di accesso al registro elettronico Infoschool

2-20- Attivazione e consegna credenziali di accesso al registro elettronico Infoschool

Cesena, 1/9/2020

Circolare 2-20

Ai genitori degli alunni

e, p.c.

ai docenti delle classi

al personale ATA

 Oggetto:  Attivazione e consegna credenziali di accesso al registro elettronico Infoschool (classi prime).  Questo Istituto mette a disposizione delle famiglie il registro elettronicoInfoschool” con accesso ad area riservata in cui è possibile visionare in tempo reale: assenze, voti, compiti per casa, argomenti svolti, elenco docenti, pagellini infraquadrimestrali, pagelle, programmi finali, ecc.Attualmente tale servizio è già attivo e gli alunni e i genitori che avevano accesso l’anno passato continuano ad usufruirne con le stesse credenziali.   Per gli allievi di tutte le classi non ancora dotati delle credenziali del nuovo registro (allievi di classi successive di nuova iscrizione al nostro Istituto da questo anno scolastico) e per gli allievi delle classi prime si procederà nel modo seguente:•      le credenziali (codice utente e password personale, distinte fra genitori e alunni)) saranno consegnate stampate su modulo cartaceo in classe direttamente allo studente nei primi giorni di scuola. L’alunno provvederà, appena arrivato a casa, a consegnarle al genitore/tutore.  Per accedere alla pagina iniziale di Infoschool occorre entrare nella pagina principale del sito ufficiale di istituto www.ispascalcomandini.edu.it

e fare clic sulla voce “Registro” presente nel Menù in basso a destra, e inserire poi le credenziali

  • Si raccomanda la famiglia di modificare la password, dalla videata di accesso, premendo il tasto “cambia password”.

Per i genitori che a suo tempo hanno richiesto e attivato le giustificazioni on-line si informa che il servizio è disponibile. E’ importante fare attenzione che le proprie credenziali, diverse da quelle dell’alunno, siano conservate con sicurezza.

ATTENZIONE:

Poiché le credenziali in uso sono in dotazione anche agli alunni/e per i loro scopi di consultazione registro di classe, si raccomanda di monitorare in quanto genitori sulle assenze dei propri figli e di prendere carico in esclusiva del servizio di giustifiche on line.

Qualora un genitore che condivide le proprie credenziali con il figlio/a volesse, per accedere in esclusiva al registro, cambiare la propria password attualmente in dotazione, può farlo. Lo studente in tal caso può richiedere presso la segreteria didattica una nuova credenziale (utente e password) che sarà generata al momento e potrà essere utilizzata in esclusiva dallo studente/ssa (naturalmente il servizio di giustifiche on line è escluso).

In sintesi la situazione delle credenziali fornite dalla scuola è la seguente:  per gli alunni di classe prima o di nuova iscrizione a scuola: la segreteria genera credenziali distinte genitore figlio e le consegna:-agli alunni/e brevi manuSi raccomanda in quest’ultimo caso di modificare la propria password ricevuta dal proprio figlio e di conservarla con cura e di non rivelarla ai propri figli.  Il Dirigente Scolastico

145-19 – aggiornamento regolamentazione accesso e uscita degli alunni alla scuola

145-19 – aggiornamento regolamentazione accesso e uscita degli alunni alla scuola

Circolare n. 145-19

A tutte le famiglie

A tutti gli alunni

A tutti i docenti

p.c. al gestore bar di entrambi i plessi

e p.c. Al personale scolastico

 

OGGETTO: misure preventive anti-rischio COVID –  regolamento di accesso ai plessi dell’Istituto in orario di entrata e uscita

 

VISTE Il Piano Scuola MIUR 20/21, linee guida per settembre,  DM 39 del 26/6/20, d’ora in poi DM n. 39

VISTO il Documento Tecnico su Ipotesi di Rimodulazione delle Misure Contenitive nel Settore Scolastico

VISTE le note USR “A.S. 20-21 e COVID – materiali per la ripartenza” pubblicate in queste settimane dal Direttore Generale USR Emilia-Romagna Stefano Versari

VISTO il verbale n. 94 del Comitato Tecnico Scientifico del 7/7/20

A SEGUITO della riunione del Servizio Protezione e Prevenzione Rischi, istituita nel giorno 9/7/20 alla presenza dell’RSPP, del medico competente e dell’RLS

la Dirigenza, con la consulenza del medico competente, del responsabile del servizio di prevenzione e protezione(RSPP), del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS), in base ad aggiornamento Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) dispone le seguenti regolamentazioni da rispettare tassativamente fino al termine dell’emergenza COVID e comunque fino a nuove disposizioni del MIUR o dell’autorità sanitaria

Gli alunni/e del plesso Comandini hanno a disposizione tre ingressi/uscite separate per evitare assembramenti durante l’orario di entrata e all’uscita:

Ingresso e uscita dalle scale esterne di emergenza lato bar via Savolini – allievi del Primo Piano

classi 1G  2G  3B(Pascal)  3C(Pascal)  3D(Pascal)  4C(Pascal)  4D(Pascal)  5A(Pascal)  5D(Pascal)  5B(Pascal)

(marcare badge al totem collocato al primo piano)

Ingresso e uscita dalle scale esterne di emergenza lato bar via Savolini allievi del Secondo Piano classi 2B    2M    3B    3G    3M    4A/4M    5A    5G    5M    ITS
(marcare badge al totem collocato al primo piano)

Ingresso e uscita da ingresso centrale via BosconeAllievi del Primo Piano:
classi 1E     2E     3A     4B     4G     5E
(marcare il badge dal totem ingresso centrale)

Ingresso e uscita da ingresso centrale via Boscone: allievi del Secondo Piano (dopo l’ingresso, prima scala a destra e sinistra) – classi 1A/1M     1B     2A     3E     4E     5B
(marcare il badge dal totem ingresso centrale)

Ingresso e uscita lato laboratori – Allievi che hanno la prima o ultima ora in laboratori, presso le porte di sicurezza a metà del primo corridoio laboratorio, (marcare badge al totem collocato nel corridoio laboratori)

 

Alunni del plesso Pascal (classi 5H, 4L e alunni che devono andare nei lab 78,LT e CAD)

Aule 76 78 e 69, LT e CAD: ingresso da da lato bar via Baracca (marcare il badge al totem vicino il bar)

Aule 15,16,18,19 (classi 2A, 5E, 4E, 4H) ingresso laterale a destra dello scalone centrale (marcare badge al totem presso distributori automatici ala sud)

 

Gli alunni del Plesso Plauto (classi 1A , 1B, 1C, 1E, 1F, 1G, 1H, 1I, 2B, 2C, 4G, 5F)

Ingresso dal giardino di intermezzo tra edificio Pascal e edificio Plauto, per file ordinate a distanza di un metro almeno e con obbligo di mascherina

– marcare badge presso Totem ingresso Plauto

Tutti gli alunni/e categoricamente possono accedere all’istituto di competenza non prima di 10 minuti dall’inizio della prima lezione. Nel mentre, in deroga all’ordinario regolamento di istituto, hanno divieto tassativo di sostare nella zona bar o in altri spazi interni della scuola. Possono sostare all’aperto, nei cortili antistanti i plessi, fermo restando il distanziamento di un metro e l’uso consigliato della mascherina individuale.

Dal momento dell’accesso a scuola, è fatto obbligo per alunni e personale di indossare la mascherina fino alla propria postazione (ufficio per gli ATA, cattedra per il docente, banco per l’alunno) come da parere indicato nel verbale n. 94 del Comitato Tecnico Scientifico nazionale del 7/7/20

Gli alunni delle seconde e terze di informatica, che hanno le classi ruotanti, entreranno in base all’aula che hanno in orario in quel dato giorno e settimana.

 

RIEPILOGO SCHEMA INGRESSI E USCITE

Plesso TOTEM (vedi legenda sotto tabella) Ingresso Persone
Comandini 1 Scala emergenza lato via Salvolini (primo piano) alunni verso aule
  2 Area laboratori alunni verso laboratori
   3 Ingresso principale via Boscone personale, genitori, fornitori
  Ingresso bar fornitori bar
 
Pascal
  Ingresso principale (scala storica) personale, genitori, fornitori
  3 LT, CAD, aula 76, aula 69, aula 78 – ingresso da da lato bar via Baracca alunni, fornitori bar
1 Ingresso alunni da scala emergenza piano terra ala sud a destra dello scalone Alunni aule 15,16,18,19
Plauto 2 Ingresso da giardino di intermezzo fra Plauto e Pascal alunni e personale

Legenda totem:

  • 3 totem al Comandini:
  1. primo piano e entrano da fuori (via Savolini) (spostare quello attualmente presente di fronte all’ingresso del bar)
  2. in zona laboratori per ingressi dal lab (spostare quello attualmente presente all’ingresso principale)
  3. accanto all’ingresso centrale lato via Boscone
  • 3 totem al Pascal:
  1. Ingresso principale a destra di fronte a ufficio tecnico (aule 15,16,18,19)
  2. Ingresso plesso Plauto (aule plesso Plauto)
  3. Interrato lato corridoio presso il bar (fornitori bar, aule LT e CAD)

 

 

Cesena,  31 agosto 2020

 

Il DS

Francesco Postiglione

1-20 – criteri parcheggio a.s. 20-21 plesso Pascal

1-20 – criteri parcheggio a.s. 20-21 plesso Pascal

Circolare n. 1/2020                                                                            Cesena, 31/8/20

 

Ai docenti

al personale ata

 

Oggetto:  criteri e scadenza domande per l’uso del parcheggio secondo regolamento della Provincia

 

Si comunica che ai sensi del regolamento della Provincia in oggetto la tessera per l’ingresso e il parcheggio con l’auto è nominale, e quindi potrà essere ritirata presso il il centralino previa apposita firma di presa in consegna per tutto l’a.s. 2020/21.

A tal scopo, si riaprono con la presente i termini per la presentazione delle domande di utilizzo della tessera parcheggio, per tutto il personale ATA e i docenti.

La scadenza per la presentazione delle richieste per utilizzo tessera è l’11 settembre. Per ora sono assegnati in vigenza i posti assegnati per il 19/20. Seguirà poi circolare con assegnazione dei nuovi posti. Fino a emanazione circolare di nuova attribuzione valgono comunque i posti attribuiti per il 19/20.

Le richieste vanno presentate con domanda scritta, in carta semplice, direttamente nella cartellina lasciata a disposizione al centralino. I dettagli sanitari vanno allegati in busta chiusa e sigillata.

In base al numero di domande pervenute, i posti a disposizione saranno assegnati previa considerazione dei seguenti criteri:

  • Esigenze di servizio (apertura degli uffici, uffici, DS, vice, DSGA, ITS) – 8 posti riservati
  • Posti per portatori di handicap fisici o di mobilità– 1 posto riservato
  • Necessità dovute al cambio con sede Comandini durante la mattinata: da 9 a 12 punti in base al numero di ore lavorate fra i due plessi
  • Possesso di legge 104 (da autodichiarare in busta chiusa separata per la riservatezza) per disabilità fisico/motoria: 12 punti
  • Motivi di salute (auto-certificati e dichiarati in maniera dettagliata all’interno delle domande, in busta chiusa separata per la riservatezza) – 9punti
  • Condivisione del posto (vanno presentate esclusivamente domande da parte della coppia, firmate da entrambi, le coppie devono essere già identificate all’atto della domanda altrimenti non si prenderà in considerazione la domanda) – 8 punti a ciascun membro della coppia
  • Criterio di alternanza rispetto ai posti assegnati nel precedente a.s. (punti 3)
  • Distanza della residenza dal luogo di lavoro (=distanza in Km x 0,1 punti)
  • Altre esigenze di servizio indicate e riconosciute – punti 6

Si sottraggono -2,5 o -5 punti se si ha un part-time che riduce di un terzo o metà dell’orario.

 

Le domande sprovviste di motivazione secondo i criteri indicati saranno prese in considerazione solo in caso di ulteriori posti disponibili dopo l’assegnazione in base ai detti criteri.

 

Il Dirigente Scolastico