110-19 – emergenza COVID 19 – disposizioni per didattica a distanza, ricevimento pubblico e personale

i DPCM del governo del 8-9-11 e 17 marzo estendono le misure previste per le zone rosse dal DPCM 8 marzo a tutto il territorio nazionale. Di seguito le indicazioni recepite da questo istituto e le raccomandazioni precauzionali ad alunni, docenti e personale ATA.
In fondo, la raccolta delle disposizioni normative legate all’emergenza, e le faq del ministero dell’interno
1) Fino al 3 aprile per tutte le scuole di ogni ordine e grado c’è sospensione attività didattiche, come durante le festività pasquali o natalizie, dunque il personale CS e AT viene al lavoro secondo turnazione per effettuare le attività indifferibili, le scuole sono aperte, ma NON si svolgono attività didattiche di nessun tipo quali lezioni, corsi di recupero, corsi sportivi, progetti ecc. Alunni e docenti non si recano dunque a scuola.
Inoltre la nota MIUR 279 del 8 marzo invita le scuole a ridurre al minimo i contingenti di personale al lavoro, avvalendosi anche del sistema di lavoro agile. Le AA sono collocate in base a art. 87 del DPCM 17/3/20 in lavoro agile.
2) I viaggi e le uscite didattiche anche sul territorio locale sono sospese, fino al 3 aprile.
Dunque saranno annullati tutti i viaggi e le uscite previste fino a quella data. Le famiglie riceveranno il rimborso delle caparre versate direttamente sul conto da cui hanno versato.

3) attivazione didattica a distanza. Invito tutti i docenti ad attivare le modalità suddette anche attraverso le indicazioni dell’animatore digitale prof. Vaccari che sono state inviate via mail a tutti i docenti. Gli alunni/e attraverso registro elettronico e la loro mail quotidianamente consulteranno il registro e terranno contatto coi loro docenti per essere aggiornati sulle iniziative didattiche a distanza. Suggerisco a alunni e famiglie di contattare via mail i coordinatori di classe per essere aggiornati sulle iniziative in essere

4) Il personale ATA in servizio deve attenersi alle misure igieniche e sanitarie indicate nel DPCM, e invito tutti/e a seguire in particolare la raccomandazione della distanza prossemica precauzionale di 1 metro
5) Si invitano i docenti a non recarsi a scuola salvo che per effettuare o allestire lezioni on line per didattica a distanza. Si invita il pubblico esterno, per tutta la durata dell’emergenza e fino comunque al 3 aprile, salvo proroghe di sospensione attività didattica, a non recarsi a scuola ma chiamare gli uffici per le richieste in essere – 054722792 per il plesso Pascal e 0547631656 per il plesso Comandini
6) prove INVALSI e programma d’esame per le classi quinte

per le classi quinte e classi terze Comandini: sia l’INVALSI che l’attività PCTO che gli argomenti dei programmi di esame terranno conto certamente di questo prolungato periodo di sospensione, come  già annunciato dalla ministra Azzolina. L’INVALSI Ha già comunicato il rinvio a dopo il 15 marzo per lo svolgimento delle prove per le classi quinte e la ministra ha già annunciato che sono allo studio misure per gli esami di stato delle classi delle regioni colpite

7 ) i corsi di recupero, cominciati prima dell’emergenza coronavirus, termineranno con lezioni da ultimare alla ripresa dell’attività didattica, ed è possibile ridurre le lezioni sospese da tre a due o da due a una, per non prolungare i recuperi oltre misura e consentire agli alunni le prove di verifica del recupero in tempi utili. Ia verifica di recupero riguarderà solo le attività previste dai corsi, quindi il programma di argomenti potrà risultare decurtato rispetto agli argomenti inizialmente previsti.
8) sono annullati i consigli di classe previsti per il plesso Comandini dal 16 al 20 marzo, in ottemperanza al divieto di riunioni organi collegiali fino al 3 aprile prescritto dalla nota MIUR 279 del 8/3/20
grazie per l’attenzione
il DS
DPCM 17/3/20– decreto Cura Italia

DPCM 8 marzo
ordinanza regionale
: le misure adottate dalla regione Emilia Romagna qui